Le praline del Re.

La storia (o leggenda) della pasticceria sembra fatta di pasticci e pasticcioni. Anche quella della pralina, meraviglioso dolcetto di cioccolato dal “cuore” piacevolmente morbido, non è da meno ed ha per “colpevole” monsieur Clement Jaluzot, cuoco di César de Choiseul, duca di Choiseul e conte di Plessis-Praslin, sul finire del Seicento.

Una sera, mentre era intento a preparare una cena di gala indetta dal duca, il nostro Clement fece cadere, ovviamente per errore, lo zucchero fuso in un composto di mandorle tritate. La grandeur francese non escludeva forme nascoste di economia nei palazzi, per cui l’ingegnoso cuoco ricoprì con cioccolato fuso quelle preparazioni ricche e croccanti, e le servì come dessert. Il duca ne rimase entusiasta tanto da proporre le raffinate delizie di cioccolato a tutte le sue feste.

La fama dei deliziosi cioccolatini del duca, divenuto nel frattempo ministro di Stato, era giunta a Versailles. Una sera, durante un’impegnativa cena (una di quelle molto importanti, in cui anche un Ministro può giocarsi la carriera), il Re Luigi XIV gli venne chiesto davanti a tutta la Corte il nome di quelle straordinarie squisitezze. Per farsi bello il duca di Praslin non esitò a sparare una sonora bugia: «Siccome le ho inventate io le ho data il mio nome…. Praline!».

Comunque, la storia (o la leggenda) racconta che anche il vero inventore ebbe la sua ricompensa. Alla fine di una lunga e onorata carriera il fedele Clément si ritirò nel suo paese, Montargis in Francia, dove aprì una pasticceria che è sopravvissuta fino ai nostri giorni.

Per pralina si intende oggi una noce di cioccolato che racchiude una farcitura cremosa. La prima pralina fu realizzata a Bruxelles nel 1912 da Jean Neahaus. Pochi anni più tardi, per ragioni egieniche venne dotata di ballotin, ovvero racchiusa in un fogliettino di carta pieghettata perché era venduta anche singolarmente.

Le praline del Re.

Ricetta velocissima e senza cottura, ottimo dessert. Provatelo! Potete utilizzare anche le nocciole al posto delle mandorle, io ho seguito la tradizione e ho usato le mandorle. I vegani possono usare olio o margarina.

Piatto Breakfast, Dessert, Snack
Cucina French, Italian, Mediterranean
Porzioni 6 Persone
Chef Francesca Tartaglia

Ingredienti

  • 100 Gr Mandorle Pelate e tostate
  • 100 Gr Zucchero A velo
  • 100 Gr Burro
  • 100 Gr Biscotti secchi Oro saiwa
  • 1 Bicchierino Rhum
  • 300 Gr Cioccolato Extrafondente

Istruzioni

  1. Pelare e tostate le mandorle. Una volta raffreddare potete tritarle. Tritate anche i biscotti, io ho usato gli oro saiwa.

  2. In una ciotola unire lo zucchero, le mandorle e i biscotti tritati,  il burro fuso e il rhum, amalgamare bene.

  3.  Formare delle palline della stessa grandezza dei vostri pirottini. Sciogliere la cioccolata al microonde o a bagnomaria e con l'aiuto di due cucchiaini tuffarvi le palline e adagiarle nei pirottini. Mettete in frigo per mangiarli freschi e per farli asciugare prima.

Una risposta a “Le praline del Re.”

  1. It’s a shame you don’t have a donate button! I’d certainly donate to this brilliant blog!
    I suppose for now i’ll settle for book-marking and adding your
    RSS feed to my Google account. I look forward to new updates and will talk about
    this blog with my Facebook group. Talk soon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *