Germogli.

I germogli possono essere : di soia,

  • Germogli di semi di alfalfa (pianta) (erba medica): ricchissimi di vitamine ed amminoacidi essenziali.
  • Germogli di semi di cavolo rosso: sapore di cavolo, leggermente piccante; ha colore violetto;
  • Germogli di semi di cavolo broccolo: sapore di cavolo leggermente più accentuato, meno piccante;
  • Germogli di semi di porro: colore verde chiaro, robusto sapore di porro;
  • Germogli di semi di ravanello sango: sapore di ravanello decisamente piccante; sapore molto intenso; colore rosso scuro;
  • Germogli di semi di ravanello Daikon: variante verde della varietà rossa;
  • Germogli di semi di bietola rossa: sapore neutro, ma a causa del colore rosso violetto è un germoglio che si presta a guarnizioni;
  • Germogli di semi di finocchio: sapore e profumo di finocchio;

Germogli di semi di pisello: dal sapore estremamente delicato.

I germogli di soia sono molto ricchi di acqua oltre che di vitamine (soprattutto vitamina C) e sali minerali preziosi per il nostro organismo. Al pari di altre varianti di germogli possono essere considerati dei veri e propri integratori naturali che ci aiutano anche a stimolare la diuresi e disintossicare il corpo.

Si tratta di alimenti vivi e vitali ricchi di enzimi che favoriscono la digestione, inoltre sono poco calorici, non hanno grassi e apportano una buona dose di proteine. Interessante anche il contenuto di fibre, utile al benessere intestinale.

All’interno dei germogli di soia troviamo inoltre la lecitina, sostanza contenuta nel legume che aiuta a regolare i livelli di colesterolo nel sangue, e fitoestrogeni, ovvero ormoni naturali che possono essere utili soprattutto nel periodo della menopausa.

I germogli di soia apportano diversi benefici al nostro organismo. Aiutano a tenere a bada il colesterolo fluidificando il sangue e sostengono il lavoro dell’intestino grazie all’apporto di fibre che promuove la regolarità e contrasta la stitichezza.

Vengono in alcuni casi consigliati in menopausa in quanto la soia è ricca in fitoestrogeni, sostanze di origine naturale che consentono di tenere a bada gli sbalzi ormonali e i conseguenti fastidi.

Sembra inoltre che i germogli di soia siano utili a rallentare la caduta dei capelli e contrastino l’osteoporosi grazie al fatto che le proteine in essi contenute aiutano ad assimilare la vitamina D, sostanza fondamentale per la salute delle ossa.

Secondo i dati del Crea (Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione), 100 grammi di germogli di soia contengono:

Acqua (g): 86.3
Proteine (g): 6.2
Lipidi(g): 1.4
Colesterolo (mg): 0
Carboidrati disponibili (g): 3
Amido (g): 0
Zuccheri solubili (g): 3
Energia (kcal): 49
Energia (kJ): 204
Sodio (mg): 30
Potassio (mg): 218
Ferro (mg): 1
Calcio (mg): 48
Fosforo (mg): 67
Tiamina (mg): 0.23
Riboflavina (mg): 0.2
Niacina (mg): 0.8
Vitamina A retinolo eq. (µg): 24
Vitamina C (mg): 13

I germogli di soia si consumano in oriente da millenni sia crudi che cotti.

La variante cruda conserva meglio la ricchezza di vitamine e sali minerali, come sappiamo infatti le alte temperature tendono a rovinare alcune di queste preziose sostanze. È vero però anche che bisogna stare particolarmente attenti alla conservazione dei germogli di soia crudiper evitare contaminazioni. Si consiglia quindi il più delle volte di evitare l’uso dei germogli crudi ma di sbollentarli invece in acqua qualche minuto prima di utilizzarli.

I germogli di soia si prestano molto bene ad essere aggiunti ad insalate a base di verdure di stagione, frutta secca, semi, ecc. conditi semplicemente con sale, olio e succo di limone fresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *