Viole e cioccolato

Le viole e il cioccolato, potrebbero essere elementi discordanti, in realtà no. Spesso nelle mie ricette troverete l’uso di fiori, perché non ce ne accorgiamo, ma mangiamo e “beviamo” tanti fiori e il loro uso in cucina è gradevole alla vista quanto alla salute. Infatti la violetta ha proprietà antisettiche e antidolorifiche e aiuta a curare il raffreddore, utile nel cambio di stagione, ma questi rimedi sono spesso legati all’olio essenziale con cui fare suffumigi. Il cioccolato, invece ? Ancora meglio. È un antistress e un antidepressivo naturale, contiene tanto fosforo, potassio, calcio, sodio, ferro e magnesio, integratore energetico e potente antiossidante. Ho pensato di farvi provare una dolce e classica ricetta, ottima per la colazione primaverile, ma anche come dopocena e perché no, accompagnando tutto da un tè alla lavanda e violetta.

Muffin alla violetta e cioccolato

In questa ricetta ho usato il lievito Paneangeli e la cioccolata Extrafondente Emilia Zàini. Per me migliori.

Piatto Breakfast, Dessert
Cucina American, Italian
Preparazione 15 minuti
Cottura 25 minuti
Tempo totale 40 minuti
Porzioni 17 Porzioni
Chef Francesca Tartaglia

Ingredienti

  • 180 Gr Burro Temperatura ambiente
  • 200 Gr Zucchero Aromatizzato alla violetta
  • 2 n. Uova Grandi a temperatura ambiente
  • 400 Gr. Farina 00
  • 16 gr Lievito Per dolci
  • 1 Cucchiaino Bicarbonato
  • 250 Gr Latte Fresco intero
  • 1 Pizzico Sale
  • 200 Gr Cioccolato Extrafondente

Istruzioni

  1. In un contenitore versare il latte e le uova  a  temperatura ambiente e il burro fuso tiepido. Lavorare con una frusta. In un'altra ciotola setacciare la farina, il bicarbonato e il lievito e aggiungere un pizzico di sale e lo zucchero alla violetta. Unire i due composti poco alla volta mentre si lavora con le fruste, così si evitano i grumi. Posizionare i pirottini da 6.5 cm di diametro su una teglia e con un dosa gelato versarvi l'impasto,  oppure usare un sac-à-poche,  in entrambi i casi non superare la metà del pirottino.

  2. Senza premere mettere al centro 10 gr di cioccolato extrafondente.  
  3. Ricoprire la cioccolata con un cucchiaino di impasto.

  4. Infornare a forno statico preriscaldato a 190 gradi per 25 minuti. Fino a doratura, se volete potete decorarli con la cioccolata, oppure lasciarli bianchi o spolverizzarli con lo zucchero a velo.

  5. Perlo zucchero alla violetta vi serviranno 200 gr. di zucchero e 50 gr.di violetta. Mixare tutto tritando, porre il composto su un canovaccio in un vassoio e farlo asciugare. Usarlo o porlo in un vasetto ermetico.

Fonti:
Letenneur L, Proust-Lima C, Le Gouge A, Dartigues J, Barberger-Gateau P; Am J Epidemiol. 2007 Jun 15;165(12):1364-71
Almoosawi S, Fyfe L, Ho C, Al-Dujaili E.; Br J Nutr. 2009 Oct 13:1-9.
Yokoi K, Konomi A, Otagi M.; Br J Nutr. 2009 Jul;102(2):215-20.
NFI – Centro studi dell’alimentazione – Nutrition Foundation of Italy 
INRAN – Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione

La Puglia in tavola

Cosa preparate per pranzo? Un piatto semplice e veloce per chi ha poco tempo e non vuole rinunciare a gusto e salute. La dieta mediterranea ormai fa da padrona per il nostro benessere, allora cosa aspettate? All’opera, oggi cucineremo le famosissime orecchiette con le cime di rapa. Anche questo è un piatto della tradizione mediterranea, un classico, che però ha le sue regole semplici e gustose. Pronti a indossare grembiule e cappello da chef? Non dimenticate la schiumarola!

Orecchiette alle cime di rapa

Piatto Main Course
Cucina Mediterranean
Preparazione 15 minuti
Cottura 15 minuti
Tempo totale 30 minuti
Porzioni 4
Chef Francesca Tartaglia

Ingredienti

  • 20 Gr Olio di oliva Extravergine
  • 500 Gr Orecchiette Fresche
  • 1,5 Kg Cime di rapa
  • 2 Spicchi Aglio
  • 1 Pizzico Sale

Istruzioni

  1. Lavare e mondare le cime di rapa. Partite spellando anche i gambi più grossi, prendete tutte le foglie. Fate sbollentare in abbondante acqua salata. Preparare una padella saltapasta con l'olio e far soffriggere l'aglio. Quando le cime di rapa hanno raggiunto la mezza cottura, saltarle in padella con l'aglio. Chi preferisce può anche aggiungere peperoncino e alici. Nell'acqua di cottura della verdura far cuocere le orecchiette. Scolarle al dente e mantecarle sul fuoco con le cime di rapa.

  2. La variante con filetti di alici e peperoncino, naturalmente prevede attenzione nell'uso del sale, visto che i filetti di alici già sono salati.

Abbinamento mediterraneo

Oggi vi propongo un abbinamento fresco, mediterraneo e gustoso in previsione dell’estate, che già ci fa respirare questa calda primavera. Le melanzane saranno protagoniste semplici di questo contorno, che può diventare antipasto su una fetta di pane croccante o su uno spicchio di focaccia, oppure condimento per la pasta. Inutile ricordarvi l’importanza della qualità delle materie prime, quando scegliete le melanzane dal fruttivendolo, ricordate di prendere quelle dure, lucide e nere. A voi la fantasia su come utilizzare il mio piatto, che in realtà è un piatto della tradizione mediterranea, da gustare guardando il mare.

Melanzane mediterranee

Piatto Main Course, Side Dish
Cucina Mediterranean
Preparazione 10 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo totale 30 minuti
Porzioni 4
Chef Francesca Tartaglia

Ingredienti

  • 3 n. Melanzane Grandi Nere
  • 15 Gr Olio di oliva Extravergine
  • 2 Cucchiai Capperi Sottaceto
  • 1 Pizzico Sale
  • 1 Rametto Menta
  • 2 Spicchi Aglio

Istruzioni

  1. Tagliare a fettine uno spicchio d'aglio, l'altro con parte della buccia schiacciarlo leggermente, entrambi farli rosolare in una casseruola o in una padella antiaderente alta nei bordi. Lavare e tagliare a cubetti le melanzane e metterle nella casseruola e chiudere con un coperchio. Far cuocere per 5 minuti. Aggiungere il sale. Se vedete che è troppo secco, aggiungete un bicchiere di acqua poco alla volta. Far cuocere per 10 minuti a fuoco moderato. Aggiungere i capperi e la menta spezzettata.

  2. Variante: potete aggiungere filetti di alici e peperoncino nel soffritto di aglio.

È tempo di fragole!

Fragole con ricotta

Coppa di primavera

Piatto Breakfast, Dessert
Cucina Italian
Preparazione 10 minuti
Tempo totale 10 minuti
Porzioni 4
Chef Francesca Tartaglia

Ingredienti

  • 1 Kg Fragole
  • 250 Gr Ricotta di pecora
  • 1 Limone
  • 250 Gr Zucchero A velo

Istruzioni

  1. Lavare e mondare le fragole e metterle in un contenitore, cospargerle con 150 gr di zucchero e il succo di un limone. Nel frattempo lavorare con una frusta la ricotta con 100 gr. di zucchero. Comporre la vostra coppa. 

    fragole

Fiori di zucca alla romana

Fiori di zucca alla romana

Piatto Appetizer, Main Course
Cucina Italian
Preparazione 20 minuti
Cottura 5 minuti
Tempo totale 25 minuti
Porzioni 10
Chef Francesca Tartaglia

Ingredienti

  • 10 N. Fiori di zucca
  • 500 ml Olio di oliva o di mais
  • 10 N. Filetti di Alici
  • 250 Gr Mozzarella Mozzarella di bufala
  • 4 N. Uova
  • Qu.b. Farina Farina 00

Istruzioni

  1. Lavare i fiori di zucca, privarli del pistillo, riempirli con un filetto di alici e un pezzetto di mozzarella. Sbattere le uova e preparare un piatto con della farina e un piatto con della carta assorbente. Passare i fiori nella farina e poi nell'uovo e friggere in olio bollente fino a doratura da entrambi i lati. Adagiarli sulla carta assorbente e mangiarli dopo un minuto, perché sono bollenti.

Il pane all’ortica e l’ortica

Vi sembrerà strano sentir parlare di pane all’ortica e invece già utilizzata contro le artriti sin dall’Antico Egitto. Usi medicinali dell’ortica sono riportati da TheophrastusPlinio il VecchioIppocrate e numerosi antichi greci: i soldati romani, ad esempio, la utilizzavano per trattare la stanchezza muscolare e i reumatismi.

Le ortiche sono usate in cucina dai tempi dei Greci e dei Romani in tutta Europa, e costituiscono ancor oggi un alimento diffuso nelle aree rurali. I germogli e le foglie ancora tenere si raccolgono in primavera, prima della fioritura. La cottura distrugge i peli urticanti.

L’ortica contiene una quantità significante di minerali, come calcioferro e potassio, vitamine (vitamina Avitamina C), proteine e amminoacidi, che ne fanno un alimento ad alto valore nutritivo, adatto ad esempio a diete vegetariane. I valori nutrizionali variano a seconda del periodo di raccolta e diminuiscono con la preparazione e la cottura.

Le foglie e i germogli oltre che per pane e biscotti, si usano nei risotti, nei minestroni, nelle zuppe, nelle frittate, nelle torte salate e nelle frittelle.

Il pane all'ortica

Piatto Breakfast
Cucina Italian
Preparazione 15 minuti
Cottura 30 minuti
Lievitazione 3 ore
Tempo totale 45 minuti
Porzioni 6
Chef Francesca Tartaglia

Ingredienti

  • 330 Gr Acqua Tiepida
  • 200 Gr Farina manitoba Tipo 0
  • 200 Gr Farina integrale Tipo 2
  • 200 Gr Farina Tipo 00
  • 12 Gr Sale
  • 15 Gr Lievito di birra Fresco
  • 6 Gr Zucchero
  • 200 Gr Ortica
  • 0,10 Gr Olio di oliva qu.b. Extravergine
  • 3 Foglie Ortica Foglie
  • Qu.b Farina di mais

Istruzioni

  1. Lavare l'ortica mettere da parte 3 foglie per decorare, lessare l'ortica rimanente e farla scolare. Non gettare l'acqua di cottura, poiché la useremo per impastare.  Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida, aggiungere lo zucchero, mescolare e aggiungere metà della farina. Una volta ottenuto un impasto cremoso, aggiungere il sale e l'ortica frullate e poco alla volta la farina restante. Se usate l'impastatrice, la pasta deve staccarsi dal bordo, l'impasto deve essere liscio ma non duro. Oliare un contenitore di plastica e chiuderlo con la pellicola trasparente. Far lievitare per tre ore a temperatura ambiente. Preriscaldare il forno a 240 gradi. Posizionare uno accanto all'altro sul piano da lavoro due fogli di pellicola trasparente. I fogli devono sovrapporsi leggermente. Infarinate con l'aiuto di un setaccio le pellicole e posizionare le foglie di ortica. Trascorse le tre ore versare l'impasto sulle pellicole. Rivestire una teglia con carta forno e una manciata di farina di mais. Con un solo gesto capovolgere, aiutandovi con la pellicola, l'impasto sulla teglia, che avrete posizionato immediatamente accanto alle pellicole. Gettare la pellicola e Infornate, cuocete per 10 minuti e poi abbassate la temperatura a 220 e cuocete per altri 20-30 minuti.

    pane all'ortica